Oltre ogni trama

di AGHNI

 


L'opera si compone di
100 canti raccolti in tre libri,
di cui il primo è stato pubblicato nel 1996 ed interamente riveduto;
il II° ed il III° volume attendono ancora un'ultima revisione.


Oltre ogni trama   -   Canto 1°    Canto 2°    Canto 3°
Oltre ogni trama   -   Libro 1° (Canti 1 - 33)  >> Download

Oltre ogni trama   -   Percorso  (Canti 1 - 33)


Il poema "Oltre ogni trama" di Aghni è la storia di un uomo alla ricerca della verità, della propria verità, di ciò che egli rappresenta, del perché e del come della vita, della morte, del dolore, della sofferenza; in una sola parola: dell'Esistere.

Vengono descritte, canto per canto, le varie avventure e disavventure, gli incontri felici ed infelici, i luoghi percorsi, le atmosfere vissute, le molteplici esperienze interiori, subliminali e profonde, il contatto coi Cieli e gli Inferi, le Divinità, i grandi Poteri cosmici, l'Amore, la Verità, la Vita vera, la Conoscenza e la Coscienza, la Morte, l'Ignoranza e l'Incoscienza.

"V'è sempre un momento nella vita di un uomo" scrive Aghni a proposito del suo poema "in cui un profondo, arcano richiamo sgorga dall'intimo e chiaramente zampilla: 'chi sono? che cos'è la vita? e la morte....?' "

"Questa 'chiamata' assomiglia molto ad una piantina che, a seconda del terreno che noi siamo, può prosperare oppure no."

"Ho cercato di esprimere in quest'opera l'evolvere dell'animo umano alla ricerca della propria verità nascosta nelle viscere della materia. In modo incosciente le nostre quotidiane esperienze ci fanno vivere diverse sensazioni, emozioni e stati d'animo, aventi però ciascuno lo scopo segreto di realizzare sempre più le potenzialità pre-esistenti in una nostra coscienza profonda, subliminale ed universale. Piano piano l'uomo diviene consapevole dell'intima realtà delle cose, del mondo che lo circonda e del cielo che la sovrasta. Lentamente si accorge della presenza di un'esistenza "parallela", "sovrapposta", "extra-fisica" e, qua e là, fa nuove esperienze. Momenti d'introspezione, rivelazione e visione, gli consentono di fotografare con l'occhio interiore una più intima Realtà, una più vivente Verità, un più meraviglioso Essere degli Esseri.

Sempre più gli è consentito di contattare questo Subliminale, questo Profondo, questo Sovracosciente. Sempre più può aprirsi a questi domini che oltrepassano il comune stato di veglia dove domina la stretta visione binoculare della mente fisica di superficie, preoccupata solo del proprio vivere meccanico e istintivo.

Certi tipi di esperienza interiore possono differire fra loro, sia in intensità che in qualità; ma la complessa natura dell'anima umana e del mondo nel quale è immersa, presenta tuttavia i medesimi piani, stati, mondi, universi e trascendenze. Anche se le strade sono diverse, esse attraversano comunque gli stessi luoghi: si incontreranno Entità parentali, Personalità superiori, Eventi e Forze pressoché identiche, e questo perché, in definitiva, tutte le esperienze conducono alla stessa, unica Realtà che oggettiva se stessa e, ci è stato detto, gioca con se stessa."


AGHNI:

Due parole sulla genesi di questo lavoro e sul suo naturale divenire.

. Nel 1989, per bisogno interiore, ho seguito un impulso sempre più forte a scrivere, proprio io che non avevo mai scritto nulla nella mia vita e che a scuola avevo sempre marinato le letture collettive dei grandi romanzieri.

Non mi piacevano; preferivo il gioco spensierato all'aria aperta, l'azione anziché la cultura. Iniziai con qualche poesia, poi con invocazioni e qualche breve storia. Piano piano si delineò l'intenzione di scrivere in versi un'avventura fantastica che calzava bene con il mio animo appassionato e dinamico. Non sospettavo minimamente cosa sarebbe arrivato. L'idea era di scrivere ciò che mi veniva e ne trassi così una primissima stesura. Ispirato, ma senza saperlo, iniziai ignaro di tutto. Nell'arco di un mese circa, coincidente con una mia rara vacanza, ho 'buttato giù' qualcosa come duemila versi, divisi in sessanta canti... [...] Uno spioncino si era aperto lassù. Mi concentravo un po' e tutto veniva. La fatica più grossa era lo scrivere materiale, la disciplina e la volontà di stare sei-otto ore seduto a scrivere. Seguì quindi la revisione e la stampa. A quattro anni di distanza il caso ha voluto regalarmi un'altra di quelle rare vacanze. Due giorni d'attesa, sostenuta dalla volontà di riprendere l'intero lavoro, per poterlo rivedere alla luce di un'esperienza più matura, ed ecco riaprirsi lo spioncino: questa volta più luminoso e più alto. Ne è seguito il grosso lavoro di 'sgrezzatura' del vecchio poema e l'elaborazione della nuova struttura.

Dedico il mio lavoro a tutti coloro che hanno sete di Conoscenza e non solo di Quella.

AGHNI

Oltre ogni trama   -   Canto 1°    Canto 2°    Canto 3°
Oltre ogni trama   -   Libro 1° (Canti 1 - 33)  >> Download

Oltre ogni trama   -   Percorso  (Canti 1 - 33)



Gruppo Germoglio S.a.S.- Comunità Aurora -Centro Sri Aurobindo e Mère
via Rio d'Orzo 535, Savignano s/P (Mo) Tel. fax 059 760811 E-mail: aghni.germoglio@gmail.com