Terre e Cieli dell'Aldilà

di AGHNI


Conoscenza integrale - 36°

I VERI IO



Ecco dunque che cos'è la coscienza: non è composta di parti ma appartiene all'essenza dell'essere e dà essa stessa una forma a tutte le parti che vuole manifestare, rivelandole a partire dall'alto verso il basso con una sua progressiva discesa dai livelli spirituali verso la sua involuzione nella Materia, o elaborandole e ponendole in primo piano nel suo movimento ascendente mediante quella che chiamiamo evoluzione. Se sceglie di operare in noi attraverso il senso dell'ego crediamo che sia il ben distinto "io" individuale a fare tutto; se invece comincia a liberarsi da questo modo di operare limitato, cominciamo a espandere il nostro senso dell' "io" individuale finché esso si perde nell'infinito e non esiste più, oppure lo lasciamo cadere per sbocciare nella vastità spirituale.

Lo schema insiste sul rapporto fra il "fuori" (circosciente) ed il "dentro" (intracosciente).

L'atmosfera individuale si compone di aure che sono proporzionali allo sviluppo degli involucri interiori (Mentale, Vitale e Fisico).

Ogni interiorità crea la sua aura sottile capace di ricevere vibrazioni sempre più eteriche, positive o negative, alte o basse. Sta ad ognuno di noi accettare le prime e rifiutare le seconde.

L'uomo, nello stato di veglia, entra in contatto con l'ambiente attraverso il circumcosciente. Nello stato di sonno può vivere nelle dimensioni subliminali e a seconda della direzione presa può riportare esperienze del piano Subcosciente (es. Incubi), della Mente (es. Sogni e fantasticherie varie), dei piani Universali (es. preveggenza), dei Mondi spirituali (es. visioni). Nello stato catalettico o di trance si possono sperimentare esperienze a seconda del livello di coscienza che si è capaci di raggiungere: si può viaggiare in mondi sottili, pranici, mentali ed anche sopramentali.



(N.B.: Molte note di queste didascalie sono state ispirate, e a volte direttamente tratte dalla collana di libri: "Lettere sullo Yoga" e da "La Vita Divina" di Sri Aurobindo, a cui si rimanda il lettore per studi più approfonditi. (Questi libri possono essere richiesti presso la nostra sede).
Va ricordato inoltre che non è indispensabile formulare mentalmente tutti questi rapporti a se stessi: si può avere egualmente esperienza dei diversi stati o livelli di coscienza attraverso il proprio cuore, la mente interiore, il vitale interiore ed il fisico sottile e questo è sufficiente per progredire verso la realizzazione del Sé. Tuttavia, se attraverso questi studi la mente si chiarifica senza cadere in rigidità ed errori, le cose possono divenire più facili. Occorre salvaguardare la plasticità poiché si rischia di perderla con una formulazione intellettuale troppo sistematica; bisogna esaminare il problema senza attaccarsi alla soluzione perché niente di tutto ciò può essere realmente afferrato se non mediante la diretta esperienza spirituale.
Ed infine, non dimentichiamo mai che tutti questi schemi sono solo una INTERPRETAZIONE delle mille possibilità offerte dall'analisi mentale. Ognuno dovrebbe usufruire della propria interpretazione interiore affinché gli serva da trampolino di lancio per tuffarsi oltre la mente stessa, nell'oceano dell'infinita Verità e Felicità d'essere propria dello Spirito Supremo.



Gruppo Germoglio S.a.S.- Comunità Aurora -Centro Sri Aurobindo e Mère
via Rio d'Orzo 535, Savignano s/P (Mo) Tel. fax 059 760811 E-mail: aghni.germoglio@gmail.com